Google Shopping

Tempo stimato di lettura: 14 min

Google Shopping, conosci cos’è e come funziona

Indice Articolo

Che cos’è Google Shopping?

Google Shopping è una sezione specializzata di Google che consente agli utenti di scoprire e acquistare prodotti da attività locali e altri rivenditori online.

Secondo Google, Quando utilizzi Google Shopping, stai navigando tra i prodotti di inserzionisti e venditori che hanno scelto di presentare i loro prodotti su Google Shopping. I commercianti accettati su Google Shopping sono generalmente considerati di alta qualità rispetto a quelli che non riescono ad accedere alla piattaforma.

Dal punto di vista aziendale, Google Shopping è alimentato da due piattaforme: Google Ads e Google Merchant Center. Google Merchant Center è il luogo in cui viene gestito il feed dei tuoi prodotti. Qui puoi personalizzare le tue offerte e ottimizzare le schede dei prodotti per aumentare le vendite e ottenere una quota maggiore del mercato nel tuo settore.

Avere i tuoi prodotti elencati nella scheda Google Shopping costruisce immediatamente fiducia nei confronti del tuo brand. Poiché l’inclusione nella piattaforma richiede un processo di approvazione, non tutti i marchi o prodotti saranno elencati.

Google Shopping è una piattaforma di ricerca e confronto prodotti di Google. I clienti possono navigare e confrontare i prodotti in base a termini di ricerca specifici. Questo confronto può avvenire tra tutti i rivenditori e inserzionisti che elencano i loro prodotti sulla piattaforma.

Come proprietario di un’azienda, utilizzi Google Merchant Center per configurare e mantenere le schede dei tuoi prodotti. Mentre puoi aggiungere prodotti a Google Shopping gratuitamente, puoi anche utilizzare Google Ads a pagamento per promuovere e pubblicizzare i tuoi prodotti sui vari domini di Google. Questi annunci appariranno nelle ricerche pertinenti su Google e saranno mostrati come risultati sponsorizzati su Google Shopping.

Con il numero crescente di nuove attività commerciali, è diventato sempre più difficile per le nuove aziende far scoprire i loro prodotti. Di conseguenza, alcune aziende si rivolgono a marketplace popolari come Amazon ed Etsy, dove i loro prodotti hanno maggiori probabilità di essere notati. Tuttavia, i marketplace possono essere costosi e gestire l’intero processo di vendita.

Invece di affidarsi interamente ai marketplace, le aziende che desiderano avere più controllo sulle proprie vendite si rivolgono a servizi di terze parti che pubblicizzano solo i prodotti. Un esempio di tale servizio è Google Shopping, che mostra le informazioni sui prodotti ogni volta che viene effettuata una ricerca pertinente su Google. Google Shopping non solo promuove la tua attività, ma rende anche più facile per i potenziali clienti cercare, ricercare e confrontare i prodotti, oltre a consentire loro di contattare il venditore.

In questo articolo, esploreremo come funziona Google Shopping e come la tua azienda può beneficiare del suo utilizzo. Utilizzando Google Merchant Center e Google Ads, puoi ottimizzare la visibilità dei tuoi prodotti, aumentare le vendite e raggiungere un pubblico più ampio.

Caratteristiche Google Shopping

Google Shopping combina la tradizionale ricerca su Google con la navigazione tipica dei negozi online, mostrando prodotti di migliaia di e-commerce in un unico posto. È importante notare che Google Shopping non vende direttamente i prodotti, ma raccoglie le informazioni dagli e-commerce e le rende disponibili per la ricerca degli utenti. Gli acquisti vengono effettuati sui siti web dei venditori.

Un motore di ricerca per lo shopping

Google Shopping è stato creato per rivoluzionare il modo in cui consumatori e aziende interagiscono durante gli acquisti online. Questa piattaforma funge da ponte tra venditori e potenziali acquirenti, facilitando la scoperta e l’acquisto di prodotti.

  • Vetrina digitale: Le aziende possono esporre i loro prodotti in una vetrina digitale, fornendo ai consumatori un’esperienza di shopping online fluida e diretta.
  • Ampia esposizione: Secondo Smart Insight, gli annunci Google Shopping generano l’85% di tutti i clic delle campagne a pagamento.

Facilità di utilizzo per le aziende

Google Shopping permette a qualsiasi business online di vendere prodotti fisici collegando il feed di prodotto del proprio e-commerce con un account Google Merchant Center.

  • Google Merchant Center: Piattaforma per caricare e gestire il feed dei prodotti, con informazioni dettagliate come descrizioni, immagini e prezzi.
  • Annunci Shopping: Un tipo di annuncio che fornisce informazioni dettagliate sui prodotti specifici che vendi.

Gli step per vendere su Google Shopping

Vendere i tuoi prodotti su Google Shopping richiede alcuni passaggi fondamentali. Seguendo questi step, puoi caricare l’elenco dei tuoi prodotti e sfruttare le potenzialità degli annunci a pagamento per raggiungere potenziali clienti. Ecco la procedura dettagliata:

1. Avere un e-commerce funzionale

Prima di tutto, devi avere un e-commerce operativo dove i clienti possono completare l’acquisto. Questo include:

  • Visualizzazione della scheda prodotto
  • Aggiunta al carrello
  • Pagamento
  • Check-out

2. Configura Google Merchant Center

Il secondo step è creare un account su Google Merchant Center, che fungerà da hub per tutte le tue attività su Google Shopping. Segui questi passaggi:

  • Crea un account: Visita il sito di Google Merchant Center e registrati.
  • Verifica e rivendica il sito web: Assicura che le informazioni siano accurate e sicure.
  • Carica il feed di prodotti: Un file contenente tutti gli articoli da vendere, con attributi come ID, immagine, titolo, prezzo e descrizione. Puoi farlo:
    • Manualmente tramite file CSV/XML
    • Automaticamente tramite integrazione API

3. Carica il feed dei prodotti

Nel tuo account Google Merchant Center, dovrai collegare il feed di prodotto del tuo e-commerce. Questo file deve includere:

  • ID univoco per ogni prodotto
  • Titolo accurato
  • Prezzo
  • Disponibilità in magazzino
  • URL della pagina del sito a cui gli utenti saranno indirizzati
  • Descrizione del prodotto
  • Link all’immagine del prodotto

Maggiore è il dettaglio fornito, migliori saranno le performance delle tue inserzioni.

4. Attiva una campagna Shopping

Collega il tuo account Google Merchant Center a Google Ads per trasformare il catalogo prodotti in annunci pubblicitari. Procedi con la creazione della tua prima Campagna Shopping:

  • Definisci il budget: Stabilisci quanto intendi spendere.
  • Target geografico: Decidi dove desideri mostrare i tuoi annunci.
  • Ottimizzazione del feed: Assicurati che ogni articolo sia presentato con titoli chiari, descrizioni dettagliate e immagini di alta qualità.

5. Analizza l’andamento della campagna

La fase di analisi è cruciale per capire l’efficacia delle tue azioni. Valuta costantemente le performance della campagna:

  • Traffico generato: Monitora il numero di visitatori.
  • Tassi di conversione: Verifica quante visite si trasformano in vendite.
  • Comportamento degli utenti: Analizza come gli utenti interagiscono con i tuoi annunci.

Sulla base di questi dati, adatta la tua strategia:

  • Ottimizza i listini dei prodotti: Migliora titoli, descrizioni e immagini.
  • Modifica i budget delle campagne: Aggiusta la spesa in base ai risultati.
  • Rivedi i gruppi di targetizzazione: Aggiorna i target demografici o geografici.
  • Sperimenta nuove parole chiave: Prova termini diversi per migliorare la visibilità.

6. Ottimizzazione continua

Il processo di adattamento continuo ti aiuta a rispondere meglio alle esigenze del tuo target e a massimizzare i risultati delle vendite. Assicurati che il budget allocato sia speso in modo efficace, massimizzando il ritorno sull’investimento.

I vantaggi delle campagne Google Shopping

Le campagne Google Shopping offrono numerosi vantaggi per il tuo e-commerce, migliorando la visibilità, l’autorevolezza e le conversioni. Ecco una panoramica dei principali benefici.

Visibilità e autorevolezza

  • Posizionamento nei risultati di ricerca: I tuoi prodotti possono apparire in posizioni privilegiate, sia a livello centrale sia nella colonna di destra dei risultati di ricerca di Google.
  • Percezione di affidabilità: Essere presenti su Google Shopping aumenta la notorietà e la percezione di affidabilità del tuo e-commerce agli occhi degli utenti.

Gestione dinamica del catalogo prodotti

  • Integrazione con Google Merchant Center: Puoi gestire il tuo catalogo prodotti tramite un feed caricato su Google Merchant Center, aggiornando automaticamente descrizioni, prezzi e disponibilità.
  • Comparazione dei prezzi: Google Shopping facilita la comparazione dei prezzi tra prodotti simili, permettendo di evidenziare le offerte più competitive.

traffico qualificato e conversioni

  • Targetizzazione mirata: Le campagne Google Shopping utilizzano le chiavi di ricerca degli utenti per mostrare annunci solo a chi è realmente interessato ai prodotti, aumentando la qualità del traffico e le conversioni.
  • Intercettazione dell’utente vicino alla conversione: Le campagne sono particolarmente efficaci per le ricerche transazionali, dove l’utente ha un’intenzione d’acquisto chiara.

Tracciamento e ottimizzazione continua

  • Monitoraggio delle performance: Puoi tracciare investimenti pubblicitari, performance dei prodotti, vendite e ricavi, ottenendo dati dettagliati per ottimizzare le campagne.
  • Adattamento strategico: Basandoti sui dati raccolti, puoi modificare strategie di marketing, ottimizzare i listini dei prodotti, aggiustare i budget delle campagne e sperimentare nuove parole chiave.

Remarketing efficace

  • Campagne di remarketing: Le campagne Google Shopping possono essere integrate con campagne di remarketing sulla Rete Display, permettendo di raggiungere nuovamente gli utenti che hanno già visitato il tuo e-commerce.
  • Riconnessione con gli utenti: Mostra annunci personalizzati a utenti che hanno mostrato interesse, aumentando le probabilità di conversione.

Trust by association

  • Associazione con grandi marchi: Essere presenti su Google Shopping ti posiziona accanto a grandi marchi come Walmart e Target, migliorando l’autorità percepita del tuo brand.
  • Qualità dei prodotti: Google Shopping seleziona i prodotti in base alla qualità, fornendo una vetrina di alta qualità che aumenta la fiducia dei consumatori.

Lead qualificati

  • Utenti con intenzione di acquisto: Gli utenti che utilizzano Google Shopping sono generalmente più propensi all’acquisto rispetto a quelli che utilizzano la ricerca tradizionale, portando a lead più qualificati e vendite aumentate.

Interfaccia ottimizzata per lo shopping

  • Design user-friendly: L’interfaccia di Google Shopping è progettata per mettere in risalto foto di alta qualità e descrizioni dettagliate dei prodotti, facilitando il confronto e la scelta da parte dei consumatori.
  • Esperienza di acquisto migliorata: Su dispositivi mobili, Google Shopping offre un’esperienza di acquisto fluida e senza intoppi, con informazioni chiave e recensioni a portata di mano.

Eccellenti report e metriche

  • Reporting dettagliato: Google Shopping fornisce report e metriche dettagliate per monitorare l’efficacia delle campagne, aiutandoti a prendere decisioni informate per migliorare il ROI.
  • Supporto alla crescita aziendale: Investendo in Google Shopping, puoi ottenere un alto ritorno sull’investimento grazie alla qualità dei lead generati e alla visibilità aumentata.

Consigli per ottenere il massimo da Google Shopping

Per ottenere il massimo dalle tue campagne su Google Shopping, è fondamentale seguire alcuni passaggi chiave che possono migliorare notevolmente le performance e il tasso di conversione dei tuoi annunci. Ecco tre consigli essenziali per massimizzare i risultati.

1. cura con attenzione i feed di dati dei tuoi prodotti

I feed di dati sono fondamentali per determinare dove i tuoi annunci di prodotto (PLA) appariranno nei risultati di ricerca. Ecco come ottimizzarli:

  • Dettagli e precisione: Assicurati che i tuoi feed siano dettagliati e accurati, includendo informazioni complete come titoli, descrizioni, immagini e prezzi.
  • Familiarità con le specifiche: Conosci le specifiche dei product feed di Google per garantirne la competitività.
  • Aggiornamenti quotidiani: Invia aggiornamenti giornalieri a Google per mantenere i dati sempre freschi e accurati.
  • Monitoraggio regolare: Controlla regolarmente il tuo account Google Merchant Center per verificare che i feed vengano processati senza errori.

2. monitora la performance dei tuoi prodotti

L’analisi continua delle performance dei prodotti ti permette di ottimizzare le campagne in modo efficiente:

  • Utilizzo delle keyword negative: Utilizza parole chiave negative per far apparire i tuoi prodotti solo nelle ricerche più rilevanti.
  • Gestione del budget: Aumenta il budget per i prodotti con buone performance e limita l’esposizione di quelli con conversioni basse o costi di vendita elevati.
  • Ottimizzazione temporale: Differenzia il costo e la frequenza degli annunci in base al giorno o all’orario per massimizzare l’efficacia.

3. sfrutta i gruppi di prodotti per ottimizzare il ROAS

Il ROAS (Return On Ad Spend) è il ritorno sull’investimento della tua campagna su Google Shopping. Ecco come ottimizzarlo:

  • Valore della puntata: Determina il valore che attribuisci a ciascun gruppo di prodotti.
  • Segmentazione dei prodotti: Organizza i prodotti in gruppi basati su attributi come marca, ID, etichetta o categoria di prodotto.
  • Strategia personalizzata: Adatta la strategia di bidding per ciascun segmento per massimizzare il ritorno sull’investimento.

Seguendo questi consigli, puoi migliorare significativamente le performance delle tue campagne su Google Shopping. Ottimizza i feed di dati, monitora attentamente le performance dei prodotti e sfrutta i gruppi di prodotti per ottenere il massimo ritorno sull’investimento. Se necessario, ricorri a risorse aggiuntive come guide specialistiche o consulenti esperti per supportare il tuo successo su questa potente piattaforma.

Quali sono le differenze tra le inserzioni a pagamento e le inserzioni organiche?

Le inserzioni a pagamento e le inserzioni organiche su Google Shopping svolgono ruoli diversi, ma entrambe mirano a ottenere visibilità nella prima pagina di Google. Vediamo le principali differenze tra queste due tipologie di inserzioni.

Inserzioni a pagamento

Le inserzioni a pagamento sono create tramite Google Ads e implicano la gestione di campagne pubblicitarie che utilizzano strategie di offerta e punteggi di qualità per determinare la posizione degli annunci.

  • Creazione tramite Google Ads: Le inserzioni a pagamento vengono configurate creando campagne in Google Ads.
  • Offerte e punteggi di qualità: La posizione degli annunci viene determinata dalle offerte e dai punteggi di qualità, che tengono conto della rilevanza e della qualità dell’annuncio.
  • Visibilità prominente: Le inserzioni a pagamento appaiono in posizioni privilegiate nei risultati di ricerca, spesso nella parte superiore o laterale della pagina.

Inserzioni organiche

Le inserzioni organiche sono generate direttamente dal Google Merchant Center utilizzando le informazioni fornite sui prodotti. Queste inserzioni si basano sulla pertinenza dei termini di ricerca e non richiedono campagne pubblicitarie a pagamento.

  • Creazione tramite Google Merchant Center: Le inserzioni organiche utilizzano i dati già forniti per i prodotti nel Merchant Center.
  • Pertinenza delle parole chiave: Google abbina le parole chiave nelle descrizioni dei prodotti con le query di ricerca degli utenti, mostrando i risultati più pertinenti.
  • Costo zero: Le inserzioni organiche non comportano costi pubblicitari, ma la visibilità dipende dalla qualità delle informazioni fornite.

Come Google determina i migliori abbinamenti?

Google utilizza un sistema avanzato per analizzare i dati dei rivenditori e determinare la pertinenza e la qualità delle inserzioni. Uno degli elementi chiave di questo sistema è il Punteggio di Qualità.

  • Analisi dei dati: Google raccoglie dati dai rivenditori e dai loro prodotti per valutare la qualità delle informazioni fornite.
  • Punteggio di Qualità: Questo punteggio viene assegnato in base alla qualità delle descrizioni, delle immagini, delle recensioni e di altri fattori. Un punteggio elevato può migliorare la posizione delle inserzioni nei risultati di ricerca.

Importanza del Punteggio di Qualità

Il Punteggio di Qualità può influenzare significativamente la visibilità delle tue inserzioni su Google Shopping. Ecco perché è importante:

  • Influenza sul ranking: Un Punteggio di Qualità elevato può migliorare il posizionamento delle tue inserzioni, sia a pagamento che organiche.
  • Fattori che lo influenzano: Oltre alla qualità delle informazioni sui prodotti, anche le recensioni del tuo negozio possono avere un impatto sul Punteggio di Qualità.

Comprendere le differenze tra le inserzioni a pagamento e quelle organiche su Google Shopping è essenziale per ottimizzare la tua strategia di marketing. Mentre le inserzioni a pagamento offrono visibilità immediata tramite Google Ads, le inserzioni organiche sfruttano la qualità e la pertinenza delle informazioni sui prodotti. Entrambi i metodi possono contribuire a ottenere una maggiore visibilità e a migliorare le performance del tuo e-commerce.

Cosa possono fare i venditori per migliorare il posizionamento su Google Shopping?

Diversi fattori influenzano il posizionamento dei prodotti su Google Shopping. Ecco alcuni suggerimenti per migliorare la qualità delle inserzioni e aumentare la loro visibilità nei risultati di ricerca.

Ottimizza il feed dei dati dei prodotti

Un feed dei dati completo e accurato è fondamentale per ottenere un buon posizionamento organico. Assicurati che il feed dei prodotti includa tutte le informazioni rilevanti, come titolo del prodotto, descrizione, immagini, prezzi e disponibilità. Utilizza immagini di alta qualità e verifica che le informazioni sui prodotti siano aggiornate e coerenti su tutti i canali.

Utilizza parole chiave rilevanti

L’uso di parole chiave pertinenti può migliorare la visibilità dei tuoi prodotti. Inserisci parole chiave specifiche e mirate nei titoli e nelle descrizioni dei prodotti per facilitarne la ricerca da parte dei clienti.

Ottimizza le pagine di destinazione dei prodotti

Assicurati che la pagina di destinazione del prodotto sia ottimizzata sia per il prodotto stesso sia per le parole chiave. La pagina deve contenere informazioni dettagliate sul prodotto, immagini di alta qualità e una chiara call-to-action.

Incoraggia le recensioni dei clienti

Le recensioni e le valutazioni possono influenzare il posizionamento delle inserzioni dei prodotti. Incoraggia i clienti a lasciare recensioni e valutazioni sui tuoi prodotti per migliorarne la visibilità e il posizionamento.

Offri prezzi competitivi

Il prezzo è un fattore importante per il posizionamento delle inserzioni dei prodotti. Offri prezzi competitivi per aumentare le possibilità che i tuoi prodotti si posizionino più in alto nei risultati di ricerca.

Monitora e ottimizza le performance

Monitora continuamente le performance delle inserzioni dei tuoi prodotti e adatta la tua strategia di conseguenza. Controlla metriche come il tasso di clic (CTR), la frequenza di rimbalzo e il tempo di permanenza sul sito, apportando modifiche alle inserzioni per migliorare questi parametri.

Sfrutta i gruppi di prodotti per ottimizzare il ROAS

Il ROAS (Return On Ad Spend) è il ritorno sull’investimento delle tue campagne su Google Shopping. Raggruppa i prodotti in base a attributi come marca, ID, etichetta o categoria per gestire in modo più preciso le campagne pubblicitarie e ottimizzare il rendimento.

Seguendo questi consigli, i venditori possono ottimizzare le loro inserzioni su Google Shopping, migliorando il posizionamento nei risultati di ricerca. Un feed dei dati accurato, l’uso di parole chiave pertinenti, l’ottimizzazione delle pagine di destinazione, le recensioni dei clienti, i prezzi competitivi e il monitoraggio continuo delle performance sono tutti elementi chiave per aumentare la visibilità, ottenere più clic e incrementare le vendite.

Enrico Rudello - Consulente Marketing Padova

Autore

Enrico Rudello

Sono Enrico Rudello, esperto Consulente di Marketing con un focus specifico sul Marketing Sanitario. Dal 2016, guido Itaca Lab, specializzata nella promozione della visibilità online per strutture sanitarie e professionisti del settore medico. Il nostro obiettivo è chiaro: posizionare i nostri clienti in cima alle preferenze dei loro pazienti attraverso strategie di marketing digitale mirate e efficaci.

La nostra expertise non si ferma qui. Tramite RUÈN, ampliamo il nostro raggio d'azione supportando aziende commerciali nella definizione e nell'implementazione di strategie comunicative capaci di generare coinvolgimento e acquisire nuovi clienti. Collaboro attivamente con enti di formazione di primo piano per equipaggiare i giovani talenti con le competenze necessarie a navigare con successo nel panorama digitale odierno

Altri articoli 
  • Le KPI più importanti per un e-comerce

    Le KPI più importanti per un e-commerce

    L'articolo esamina le KPI essenziali per l'e-commerce, come AOV, CLV, APV, e APFR, spiegando come queste metriche influenzino le strategie di vendita, marketing e customer relationship. Offre formule e applicazioni pratiche per migliorare l'efficacia aziendale e ottimizzare l'engagement dei clienti.

    Continua a leggere

  • Strategie Clienti Instagram

    Come far convertire gli utenti in clienti su Instagram (tecniche e strategie)

    Per convertire gli utenti in clienti su Instagram, crea contenuti di qualità, conosci il tuo pubblico e utilizza keyword pertinenti. Collabora con influencer e monitora le performance. La strategia include tre fasi: notorietà, considerazione e conversione, con campagne specifiche per ciascuna fase, come shopping e acquisizione contatti.

    Continua a leggere

  • Google Shopping

    Google Shopping, conosci cos’è e come funziona

    Google Shopping è una piattaforma di Google che permette agli utenti di scoprire e acquistare prodotti da vari rivenditori online. Utilizza Google Ads e Google Merchant Center per gestire e ottimizzare le schede dei prodotti, aumentando visibilità e vendite.

    Continua a leggere

  • Indicatori chiave di prestazione (KPI)

    Che cos’è Key Performance Indicator (KPI)?

    I KPI, acronimo di Key Performance Indicators, sono metriche essenziali per valutare l'efficacia con cui un'organizzazione raggiunge gli obiettivi. Si adattano a specifiche aziendali e sono fondamentali per il monitoraggio del successo e per le decisioni strategiche, evitando operazioni senza una direzione chiara.

    Continua a leggere